Calcio Benevento
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sei punti da recuperare negli ultimi 3 turni: il Benevento ha bisogno di un’impresa mai riuscita

Da quando sono stati introdotti i play out, nessuna squadra è stata capace di recuperare uno svantaggio simile a quello della Strega

Sei i punti di distanza che separano il Benevento sia dalla zona play out sia dalla salvezza a tre giornate dal termine: uno scenario da incubo per la formazione giallorossa, ancora in vita grazie al conforto della matematica, allo spirito mostrato nelle ultime partite e agli incroci pericolosi nei bassifondi della classifica, che possono ancora cambiare gli scenari.

Servirà un colpo storico alla Strega per evitare il baratro: da quando sono stati istituiti i play out in Serie B, infatti, mai nessuna squadra è riuscita a rimontare un distacco uguale o superiore a quello dei sanniti, centrando poi la salvezza. Dal 2003/2004, stagione in cui gli spareggi hanno fatto il loro ingresso in cadetteria, le squadre coinvolte nelle ultime tre posizioni a tre giornate dal termine del loro campionato non sono riuscite a ribaltare il proprio destino, salutando così la categoria.

Chi ha vissuto un’impresa simile, ma con un distacco ridotto rispetto a quello giallorosso, è stato il Cosenza nella stagione 2019/2020 dominata dal Benevento di Filippo Inzaghi. La squadra allenata da Roberto Occhiuzzi a tre giornate dalla fine era a 4 punti dalla Juve Stabia, 17° e in zona play out: 9 punti su 9 raccolti nel finale di stagione da parte dei rossoblù e salvezza raggiunta condannando Livorno, Juve Stabia e Trapani alla retrocessione.

Distacchi superiori al quadro che riguarda da vicino il Benevento arrivano dalla Serie B a 22 squadre e precisamente da due campionati in particolare: quello del 2013/2014 e quello del 2004/2005. Nove anni fa a tre giornate dalla fine c’erano 8 punti di distacco tra il 20° posto, occupato dal Padova, e il 19° custodito dal Novara insieme al Varese. I veneti non riuscirono ad evitare la retrocessione diretta riducendo a 3 le lunghezze di distanza dal Novara che uscì poi sconfitto dai play out proprio contro il Varese, salvo. Nella stagione 2004/2005 invece il Venezia a tre giornate dalla fine era a 7 punti di distacco dal Crotone, 19° e in zona play out, ma il finale dei lagunari complicò ulteriormente la loro classifica chiudendo a 11 lunghezze di svantaggio dal Pescara che disputò poi i play out contro la Triestina, davanti di 2 punti.

In una zona di classifica dove l’equilibrio ha sempre giocato un ruolo chiave, i tanti punti a separare il Benevento dagli spareggi salvezza rappresentano l’anomalia che rende ancor più complicata la missione giallorossa. Un colpo di coda nelle ultime tre partite per tenere accesa la speranza: questa la missione della Strega, ancora in vita tra matematica e voglia di sopravvivere

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Scacco matto del tecnico giallorosso a quello rossoblù: così la Strega può puntare a step...
i giudizi sulla prestazione dei giallorossi: Terranova vince il duello con Murano, Pinato dentro con...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...