Calcio Benevento
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Benevento: Leverbe colpevole, La Gumina mai in partita

Il difensore giallorosso sul banco degli imputati per il gol subito, evanescente invece l’ex Palermo

Non sa più vincere davanti al proprio pubblico il Benevento: basta un gol di Brunori al Palermo per conquistare i tre punti, condannando la squadra di Fabio Cannavaro. Una sconfitta pesante per i giallorossi in una situazione di classifica che si fa sempre più complicata dopo una prestazione contraddistinta da troppe ombre, soprattutto nel corso del secondo tempo. Queste le pagelle della Strega.

PALEARI 5,5 – Qualche responsabilità sul gol di Brunori, su una conclusione non irresistibile. Ci prova da assistman per La Gumina in avvio mentre nel match il Palermo crea situazioni facili da gestire, anche in uscita.

LETIZIA 6 – Tra i suoi è quello con più voglia di lasciare il segno, sdoppiandosi nelle due fasi. In zona offensiva spinge tanto mancando solo l’ultimo tocco, dietro tiene botta chiudendo gli spazi alle iniziative rosanero.

LEVERBE 5 – Colpevole nel lasciare spazio e possibilità allo spunto vincente di Brunori, ritardando l’intervento. Un errore fatale che condiziona un match affrontato senza difficoltà tra le intuizioni del Palermo (85′ PASTINA SV: Dentro nel finale per ridisegnare l’assetto giallorosso).

CAPELLINI 5,5 – La giocata più importante e rischiosa alla mezz’ora, chiudendo sull’inserimento di Brunori. Regge come può, sbagliando l’anticipo in extremis nell’azione che porta al gol vittoria.

MASCIANGELO 5,5 – Segnali importanti soprattutto nella fase di copertura, dove sa scegliere il miglior tempo d’intervento nelle fasi più calde e su entrambe le corsie. Davanti ha tanto spazio ma poca lucidità, mancando sempre la giocata migliore.

IMPROTA 5 – Negli istanti in cui serviva maggiormente lucidità si lascia vincere dai nervi, sprecando energie preziose. Un tempo di troppo nell’occasione smorzata da Sala e pochi lampi sia da mezzala che da esterno d’attacco.

VIVIANI 5 – Il ritardo di condizione bussa alla sua porta e presenta il conto, macchiando la sua gara con tutte le difficoltà di ritmo e gestione. In più il pallone perso nel cuore del centrocampo che spalanca la strada al Palermo (60′ SCHIATTARELLA 5,5: Lo scenario in regia non migliora: anche da parte sua potenzialità ma con troppi limiti).

ACAMPORA 5,5 – Dal suo mancino nascono le occasioni più pericolose, ma i suoi sono flash intermittenti di una partita vissuta tra alti e bassi. Quando ha spazio sa creare scompiglio ma la necessità di rincorrere macchia la sua qualità.

LA GUMINA 4,5 – Doveva essere la sua partita ma si trasforma in spettatore senza mai dare l’impressione di poter lasciare il segno. Spreca una chance in avvio senza sfruttare il gran lancio di Paleari ma non si illumina mai contro il suo Palermo (66′ KUBICA 5,5: Ritmi bassi senza riuscire a trovare il suo posto nel cuore della Strega).

FORTE 5 – Qualche possibilità in più rispetto al solito copione per spezzare il digiuno ma ancora tanta fatica sul mancino sia da solista che in appoggio ai compagni. Momento nero che influisce su fiducia e convinzione (60′ SIMY 5,5: Pochi segnali confortanti tra le difficoltà perenni di adattamento in giallorosso).

FARIAS 5 – Dai suoi piedi può nascere sempre qualcosa di pericoloso ma contro il Palermo tocca tanti palloni pasticciando troppe soluzioni. Nonostante tutto, è l’unico in grado di creare scintille per la Strega (60′ TELLO 5: Impatto negativo, tra il nervosismo e le tante scelte sbagliate nelle occasioni calde).

ALL. CANNAVARO 5 – Tutto un altro Benevento nel secondo tempo: i cambi rivoluzionano l’approccio giallorosso, senza cinismo nel primo tempo e mai pericoloso nella ripresa. Passo indietro evidente tra gioco ed atteggiamento.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

I giudizi sulle prestazioni dei giallorossi: le mosse dalla panchina fanno la differenza, Paleari fa...
i giudizi sulla prestazione dei giallorossi: Terranova vince il duello con Murano, Pinato dentro con...
I giudizi sulla prestazione dei giallorossi: ripresa in difficoltà perenne, manca la scossa dalla panchina...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...