Calcio Benevento
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Stellone non usa mezzi termini: “Mi rode, partita falsata: serve attenzione, qua ci giochiamo la vita”

Il tecnico del Benevento è infuriato al termine del match: “Perdiamo punti per via della simulazione di un giocatore del Como”

DIREZIONE ARBITRALE – “Partita rovinata dalle decisioni dell’arbitro, giocare 45 minuti in dieci per un fallo inesistente non è semplice e non potevamo fare di più. Commentiamo un pareggio buono per lo spirito, ma è chiaro che la gara è stata condizionata da quell’episodio e non posso che ringraziare i ragazzi per quello che hanno fatto, ma mi rode perché è una partita falsata. Anche ad Ascoli si è verificata la stessa cosa, a Terni Karic si è beccato un giallo dopo 30 secondi. A me non piace lamentarmi degli arbitri, però noi ci giochiamo la vita e sono errori gravi. Una vittoria ci avrebbe fatto un piccolo balzo in avanti, peccato ma la squadra è viva, arriva bene sulla trequarti, ma non siamo ancora pungenti sui cross, sui tiri, sul saltare l’uomo. Un plauso a tutti per l’impegno”

VAR – “Il protocollo non prevede l’intervento in caso di ammonizione, ma è assurdo perché a volte si perdono minuti per rivedere rigori netti e non si guardano questi episodi. Va cambiato qualcosa”

PRIMO TEMPO – “Loro si difendevano bene, con otto uomini in area di rigore. Sono partite che puoi sbloccare solo con l’episodio, con lo spunto del singolo. Se avessimo fatto gol con Improta, sarebbe stata un’altra partita”

PUNTO – “Pareggio importante, ma è normale che avremmo voluto vincerla. E’ stato importantissimo non perdere, è un punto guadagnato con grande sacrificio e impegno, ce lo teniamo stretto. Recuperiamo energie e giocatori, guardiamo con fiducia alla partita di Pisa”

DOPPIA SFIDA IN TRASFERTA – “Dobbiamo fare punti e abbiamo le possibilità di farli sia a Pisa che a Bari. Noi dobbiamo puntare a fare risultato con tutti, anche a Pisa andremo per provare a vincere la partita, ma l’importante è dare continuità. Certo, la vittoria ci darebbe una classifica migliore e maggiore sicurezza, ma con questo spirito sono fiducioso”

FARIAS – “Si è riscaldato per tanto tempo, è un giocatore che ha qualità e che salta l’uomo, ma in quel momento mi servivano altre caratteristiche, non avrei potuto togliere ad esempio un giocatore come Karic, perché era una partita in cui bisognava portare a casa un punto”

LETIZIA – “Non è in condizione e quindi non può giocare da quinto in questo momento. Da braccetto si riesce a trattenere di più e può dare il suo contributo anche in quella posizione. Se avessi avuto altri difensori a disposizione, probabilmente non avrebbe nemmeno giocato perché avrebbe bisogno di recuperare al meglio. Lo ringrazio, perché si sta sacrificando tanto”

ATTACCANTI – “Vivono male il fatto che non stanno segnando e il fatto che non arrivano palle pulite per buttarla dentro. Devono stare sereni e lavorare come stanno facendo, ma devono conservare la serenità, nella consapevolezza che il gol prima o poi arriverà”

 

 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nonostante la giovane età, è alla quarta stagione nella Can di Serie C: viene considerato...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...