Calcio Benevento
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Cosenza-Benevento, Veseli: “Dobbiamo dare tutti di più”

Il difensore giallorosso ha analizzato il momento dei suoi, suonando la carica allo spogliatoio dopo il pari amaro contro il Cosenza

Ai microfoni dei canali ufficiali del club, Frederic Veseli ha commentato il risultato del San Vito-Marulla
contro il Cosenza. Pareggio amaro per la squadra di Fabio Cannavaro che rovina il primo match giallorosso
del girone di ritorno di Serie B.

PAREGGIO“Colpa di una disattenzione dal corner, cosa che non dovrebbe succedere ma che purtroppo
capita a tante squadre. Non ci voleva proprio, purtroppo”.

PARTITA“Forse ci siamo rilassati o non abbiamo saputo schiacciare sui loro punti deboli nel momento
giusto. Siamo scesi in campo con la mentalità giusta, volevamo dimostrare alla gente e a noi stessi di
iniziare col piede giusto e l’abbiamo fatto ma purtroppo non siamo riusciti a schiacciare sul punto dolente
del Cosenza”.

PROBLEMI “Per me sono due le cose, la prima è la tensione sulla quale si può lavorare, poi serve la fiducia
giusta ma questo si crea solo facendo le cose semplici. Purtroppo ogni tanto ci addormentiamo ed è una
cosa sulla quale dobbiamo lavorare. Poi c’è un senso di orgoglio, di appartenenza alla maglia ed è una cosa
che ognuno di noi deve tirare fuori. Deve essere una base, non può mancare assolutamente”.

RITIRO“Abbiamo preparato la partita per come giocano loro cercando di far male. Abbiamo fatto un
ripasso delle basi che vogliamo proporre sul campo, poi è vero che ogni partita è diversa. Consolidato il
nostro lavoro dando un occhio alla loro partita, avevamo preparato alcune cose nelle quali potevamo far
male all’avversario, purtroppo alla fine abbiamo concesso quel gol”.

SENSO DI APPARTENENZA “Quando indosso la maglia del Benevento sono consapevole che è una maglia
importantissima per la categoria. Possiamo utilizzarlo come stimolo per tirar fuori qualcosa in più: il senso
di appartenenza serve da parte di tutti. Abbiamo nomi importanti, è vero, ma non ci sono gioie senza
sacrifici: ora serve una rincorsa positiva per andare avanti. Non accadrà in una partita ma in allenamento
giorno dopo giorno, dando il massimo per poi tirar fuori l’orgoglio giusto”.

CANNAVARO“I suoi sentimenti sa gestirli meglio di chiunque altro. Abbiamo la qualità per fare qualcosa
in più ma dobbiamo essere attenti”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Diventano nove i giocatori della Strega nella lista dei diffidati, mentre i costieri finiscono decimati...
Dirigerà Mattia Caldera di Como: ha già incrociato la Strega in questa stagione ...
Invariati i prezzi dei tagliandi in vista del monday night...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...