Calcio Benevento
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Il Benevento si fa male da solo: a Cosenza la beffa arriva nel finale, finisce 1-1

Non basta il rigore trasformato da Ciano: la Strega si fa raggiungere da Vaisanen e resta a un solo punto dalla zona play out

Come farsi del male da soli buttando via una vittoria vitale. Per informazioni, chiedere al Benevento che si fa sfilare di tasca tre punti che sarebbero stati importantissimi, perché avrebbero permesso alla Strega di allontanarsi dalla zona rossa e di rispondere così ai successi delle inseguitrici. Invece, la truppa di Cannavaro getta tutto al vento con un’imperdonabile distrazione a tempo quasi scaduto, pagata a caro prezzo. All’89’ saltano le marcature su un calcio d’angolo a favore dei padroni di casa e Vaisanen ne approfitta per regalare al Cosenza un pareggio insperato, che tiene in vita i rossoblù e che costringe i giallorossi a mangiarsi le mani.

Perché pur non brillando, dopo aver chiuso il primo tempo in vantaggio grazie al calcio di rigore trasformato da Ciano alla mezzora, nella ripresa il Benevento non solo ha dato l’impressione di essere in controllo della gara, ma ha pure avuto diverse buone occasioni per il colpo del ko. La Strega nel secondo tempo ha lasciato fare la partita al Cosenza, senza correre praticamente mai pericoli, se si eccettua un tiro-cross senza troppe pretese di Martino che si è stampato sulla traversa, dopo il tocco di Paleari. Per il resto, i giallorossi hanno tenuto a bada l’istinto di sopravvivenza degli avversari senza troppa fatica, cercando di pungere in contropiede per chiudere i conti.

Al 60′ la palla buona è capitata sui piedi di La Gumina, bravo a sfruttare il fisico per mandare fuori giri Meroni, meno bravo nella conclusione, con il destro a incrociare che è finito di poco a lato. Un quarto d’ora più tardi è stato invece Schiattarella a sfiorare il 2-0 giallorosso, ma anche in questo caso il tiro a volo arrivato sugli sviluppi di un angolo, è andato oltre la traversa di un’inezia. La palla più ghiotta per mandare definitivamente al tappeto i padroni di casa l’ha avuta però Farias che ha sprecato nel peggiore dei modi un contropiede in superiorità numerica. Dal ribaltamento di fronte, è poi nato l’angolo che ha portato al gol del pari che tiene il Benevento in piena bagarre per non retrocedere.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Nonostante la giovane età, è alla quarta stagione nella Can di Serie C: viene considerato...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...